Svizzera: al primo posto per qualità della vita e competitività dei salari

 

 

Qualità della vita e opportunità lavorative interessanti: secondo un report del gruppo bancario HSBC, il primo Paese che presenta entrambe le condizioni è la Confederazione Elvetica. Lavorare e vivere in Svizzera è quindi un’opportunità anche di benessere.

Perché lavorare e vivere in Svizzera è la scelta migliore?

Da un’analisi dei dati emersi, su un campione di oltre 18.000 persone, emigrate in 163 luoghi differenti, la Svizzera si colloca al primo posto per qualità della vita e competitività dei salari.
Sono infatti moltissime le persone che negli ultimi anni si sono trasferite in Svizzera per migliorare la loro condizione sia economica che personale. Sempre dai dati emersi infatti, lo stipendio medio svizzero annuale è di 111.587 dollari, nettamente superiore rispetto alla media mondiale di 75.966 dollari.

Quali sono i vantaggi di vivere in Svizzera?

In tutti i Cantoni della Svizzera, il livello di disoccupazione è molto basso e i salari sono ottimi. Trasferirsi e vivere in Svizzera vuol dire avere la possibilità di vivere in un paese ricco e con moltissime opportunità.

L’economia svizzera, per la scarsità di risorse naturali offre quindi molti servizi soprattutto di natura finanziaria.

Tra i vantaggi possiamo anche citare:
 L’alta qualità della vita;
• La multi culturalità, visto che il Paese è abituato ad ospitare lavoratori stranieri;
• Efficienza dei servizi postali, dei trasporti pubblici, dell’amministrazione e della gestione dei beni;
• Senso civico e meritocrazia;
• Basso tasso di criminalità in tutti i Cantoni;
• Posizione geografica strategica, vista la vicinanza con Italia, Austria, Germania e Francia.

Lavorare in Svizzera

La Svizzera offre moltissime opportunità di lavoro e ha un tasso di disoccupazione veramente molto basso. Gli stipendi sono elevati, arrivando anche a essere circa 3-4 volte superiori a quelli dei vicini paesi europei. Lo stipendio medio svizzero è di circa 5.500 € lordi al mese, ovvero uno dei più alti a livello mondiale.

Il periodo di ferie annuale è di almeno quattro settimane all’anno ma, molte aziende concedono dei periodi di ferie che arrivano anche fino a 6 settimane.
Per legge, non si può eccedere dalle 45 ore di lavoro settimanali, se non per alcune tipologie di lavoro manuale per cui si arriva fino a 50 (in straordinario).
Un problema che si può riscontrare è il divario retributivo tra i due sessi. Nel paese, infatti, le donne guadagnano circa il 15% in meno rispetto ai colleghi maschi.

Nonostante non ci siano tutele di garanzia circa il lavoro a tempo indeterminato, resta comunque difficile licenziare facilmente i dipendenti, i quali vengono formati dalle stesse aziende che hanno interesse a tenerli il più a lungo possibile. Esistono inoltre generosi sussidi di disoccupazione.

In Svizzera le tasse per dipendenti e autonomi variano da cantone a cantone ma ingenerale sono di circa il 30% del reddito lordo.

Non ci sono problemi di debito pubblico, anzi, è un paese in cui si parla di credito pubblico, perché è i bilanci si chiudono sempre in attivo.
Quindi, se avete deciso di trasferirvi in Svizzera, potete iniziare a cercare il vostro lavoro con noi, cliccando sui nostri annunci settimanali.

Se sei interessato alla nostra newsletter bisettimanale ti puoi registrare qui: Newsletter

Se vuoi leggere le ultime offerte di lavoro e i nostri articoli lo puoi fare qui: Annunci