Donne e Lavoro in Svizzera


Secondo lo studio dell’Index of Women Entrepreneurs compilato da Mastercard, la Svizzera occupa il settimo posto tra i 58 Paesi presi in considerazione, offrendo buone condizioni per le donne che operano nel mondo degli affari. In cima alla classifica si trovano USA, Nuova Zelanda, Canada e Israele. Rispetto all’anno scorso, la Germania scende di sei posti al 29. rango.

Gli autori dello studio affermano che l’imprenditoria femminile eccelle soprattutto nelle economie ad alto reddito e sviluppate. In questi Paesi, si riscontra un pregiudizio basso nei confronti delle donne, un elevato accesso all’istruzione e ai servizi finanziari e il contesto imprenditoriale è molto favorevole. Le condizioni peggiori per le donne si riscontrano in Egitto, Bangladesh, Algeria, Arabia Saudita e Iran.

In Svizzera, nonostante ci siano delle condizioni quadro particolarmente vantaggiose, solo un terzo dei dipendenti aziendali con funzioni dirigenziali sono donne. Le donne però presentano delle difficoltà a intraprendere un lavoro autonomo. Solo il 4,7% delle svizzere prevede di avviare un’attività in proprio nei prossimi tre anni. Tenendo conto anche della presenza maschile, la cifra sale al 10,5%.

In paesi comparati alla Svizzera, il dato medio emerso dallo studio è del 15,2%, si percepisce una certa riluttanza ad avviare un lavoro in proprio, colpa o merito anche degli alti salari percepiti dai lavoratori dipendenti.

Il «Mastercard Index of Women Entrepreneurs», basato su dati pubblici provenienti da organizzazioni internazionali, registra i progressi e le performance delle donne imprenditrici in 58 paesi del mondo. 

Se sei interessato alla nostra newsletter bisettimanale ti puoi registrare qui: Newsletter

Se vuoi leggere le ultime offerte di lavoro e i nostri articoli lo puoi fare qui: Annunci


Facebook